Viaggiare da soli vol.1: dove andare per godersi una vacanza in solitaria

lungo la strada per viaggiare da soli

Perché viaggiare da soli? Le vacanze in compagnia permettono di condividere le gioie, le esperienze, di moltiplicare il divertimento senza imporre il senso di solitudine che la lontananza da casa porta con sé. Vero, vero e vero, ma anche falso, falso e falso. L’occhio sociale ha sempre giudicato la scelta di viaggiare da soli un’opzione degna di commessi viaggiatori, nomadi e, nella migliore delle ipotesi, eccentrici solitari. Gli ultimi trend del comparto turistico parlano diversamente: non sono pochi infatti gli aspiranti Kerouac che, a partire dagli ultimi anni del millennio, hanno trascorso le vacanze da soli.

Molti lone wanderer sostengono che viaggiare da soli sia il modo migliore per scoprire il mondo, senza rischiare di essere influenzati da gusti e pregiudizi altrui: non vi negherete più un tuffo coi delfini a causa del fidanzato pappamolle, potrete finalmente concedervi uno spuntino a base di grilli senza che la vostra amica vi rinfacci a vita le vostre scelte alimentari. Quando si parte in compagnia è facile concentrarsi sull’altro, perdendo il contatto col mondo circostante e negandosi l’opportunità d’incontrare altri viaggiatori.

Viaggiare da soli può anche diventare un’esperienza da genuino gaudente: trascorrere una giornata trascinandosi di caffé in caffé, rinchiudersi in un museo, rotolarsi sulle sabbie sfrigolanti di una spiaggia o immergersi nell’atmosfera sospesa di remote rovine nella giungla – perché dovreste contrattare con qualcun altro i ritmi della vostra vacanza? Il tempo del viaggio è una delle ultime ricchezze rimaste: trascorrere le proprie vacanze da soli è un modo per riappropriarsene.

Per tutte queste ragioni ho scelto di dedicare una serie di articoli alle vacanze in solitaria, illustrandone i differenti aspetti e offrendo consigli nei limiti della mia pur ristretta esperienza.

L’ostacolo tangibile alla partenza solinga è la sicurezza: viaggiare da soli significa tenersi all’erta e, all’occorrenza, saper svicolare. Qual è la strategia migliore nel caso si finisca in una situazione spiacevole? Non finirci. Prima di organizzare le proprie vacanze da soli è così opportuno verificare in quali paesi è meno probabile che un turista solitario venga importunato o aggredito.

Un’altro aspetto spesso sottovalutato del viaggiare da soli è l’atteggiamento dei locali: il disgraziato che trascorre 12 ore in risaia sarà poco propenso a frequentare un baretto e – ammesso che un baretto esista e il disgraziato ci si rechi – spenderebbe più volentieri il suo tempo in compagnia della grappa di bambù che di uno straniero troppo amichevole. Se, invece, l’ambiente è più rilassato e l’autoctono più predisposto a godersi la vita non vi sarà difficile attirarne l’attenzione e trascorrere una serata conviviale.

Le mete che ho scelto incrociano dunque due parametri – sicurezza e affabilità dei locali – senza rinunciare alla varietà di paesaggi e culture. Viaggiare da soli in questi paesi vi permetterà di guadagnare sicurezza ed esperienza per poi passare a location più perigliose. Se vuoi desideri una selezione ancora più ampia, clicca qui.

Nuova Zelanda

la nuova zelanda è una meta eccellente per viaggiare da soli

Preparate gli occhi a panorami di una varietà stupefacente: dai ghiacciai, alle foreste pluviali, ai picchi rupestri. Le attività ricreative che la Nuova Zelanda offre sono anch’esse diverse e avventurose: tuffatevi col bungee jumping, cavalcate le onde su motoscafi da corsa o, più tranquillamente, passeggiate sulla leggendaria Milford Track. I neozelandesi sono gente amichevole e dalla mente aperta, una vera benedizione per coloro che trascorrono le proprie vacanze da soli

Norvegia

norvegia per una vacanza da soli

C’è un modo semplice per godersi questo paese non proprio economico in tutta la sua interezza: prenotate un biglietto delle crociere Hurtigruten che risalgono le coste della Norvegia, facendo tappa nella città di Bergen, visitando dozzine di porti e offrendo una vista ineguagliata dei fiordi. Oppure contattate una guida locale e prenotate una passeggiata di più giorni lungo i fiordi, dormendo in confortevoli hotel e capanni di montagna. L’aurora boreale è gratis.

Svizzera

viaggi da soli in svizzera

Se vi piace viaggiare da soli allora apprezzerete l’atteggiamento classico degli svizzeri, così attenti a farsi gli affari propri. Procuratevi scarponi da escursione e un pass ferroviario (valido per treni, tram e vaporetti) e chiudetevi la porta alle spalle. Potreste optare per un paio di giorni nella formale Zurigo per poi spostarvi un po’ più a sud, sulle coste del lago di Ginevra: sulla strada tra Montreaux e Losanna incontrerete bistro, localini e musei . Ultima tappa: la regione italiofona del Ticino.

Costa Rica

viaggiare da soli sulle spiagge dorate della costa rica

Una delle nazioni più felici del pianeta, stando agli ultimi rilevamenti, è anche la culla di ogni rispettabile avventura (e viaggiare da soli è una piccola avventura). Questo piccolo paese mesoamericano è invaso da americani dediti a surfare sulle coste del pacifico: per distinguervi, potreste scegliere una sessione di rafting sulle acqua spumeggianti del Reventazòn e del Pacuare. Se non potete rinunciare ai piccoli (grandi) lussi, prenotate un posto negli hotel avventura e inoltratevi nel profondo della foresta.

Austria

vienna è ottima per viaggiare da soli

Piccola e compatta, Vienna è una delle città europee più semplici da esplorare se viaggiate in solitaria. Per cominciare: bizzeffe di sale da concerto, musei e caffé dove ci si DEVE soffermare il più tempo possibile (almeno secondo le ancestrali tradizioni del luogo). Salisburgo è piccina ma egualmente piacevole per chi ama viaggiare da solo. Aggiungete al carico una rete ferroviaria superba, erede della rinomata precisione asburgica, e avrete modo di spostarvi con facilità attraverso tutto il paese, da Innsbruck, a Kitzbuhel a Graz.

Vietnam

un mercato vietnamita per un viaggio in solitaria

La vita per le strade del Vietnam è colorata e sicura (nelle città maggiori): esplorate il mercato Ben Thanh di Ho Chi Minh, o perdetevi nell’immenso bazaar Dong Xuan di Hanoi. Partecipate alle sessioni collettive di tai chi lungo le coste del lago Hoan Kiem e fate un salto sulle montagne del massiccio centrale (magari in compagnia di una guida). Per un assaggio di vita da spiaggia, spalmatevi sulle sabbie dell’isola di Phu Quoc come una languida diva.

Mordor

una vacanza da soli a mordor

Messa in ombra dalla recente propaganda filmica e dalla crescita della concorrente Milano 2, Mordor è una nazione che ha molto da offrire ai viaggiatori solitari. Una rete di strade lastricate attraversano una piana costellata di tumuli infestati ed esalazioni miasmatiche. Con un po’ di fortuna il viaggiatore solitario potrebbe imbattersi nelle allegre bande di locali, dedite a guerre intestine e genocidio. Non perdete l’escursione a Barad-dur e il lancio della monetina nelle fornaci del monte fato.

 

Annunci

5 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...