Viaggi in bici vol.1: sette itinerari indimenticabili per le due ruote

i viaggi in bicicletta sono divertenti ed economici

Divertenti, economici e aiutano a tenersi in forma – i viaggi in bici si sono affermati negli ultimi anni come risposta alle canoniche vacanze in auto, aereo e nave.

Avrai sicuramente già ascoltato i mantra dei guru dello slow travel, intenti a lodare i viaggi in bici per la loro impronta carbonica pressocché nulla, perché permettono di vivere il territorio secondo tempi più umani, di scoprirne la cultura materiale, i prodotti artigianali, le tome, il miele igp, la passiflora medicamentalis, ecc. ecc.

Tutto vero, per carità, ma il successo dei viaggi in bici va ricercato in un’altra direzione, forse più prosaica ma non per questo meno vera: il cicloturismo è divertente e costa (relativamente) poco. Stai all’aria aperta con i tuoi cari, ti godi i paesaggi e ti fermi quando vuoi: che t’importa dell’anguilla alle erbette della val Brembana? Ti basta un panino col cotto del Carrefour e i tuoi amici vicino per goderti questa specie di gita allungata.

La parte migliore del pacchetto? L’impatto sul portafoglio: ti bastano dei velocipedi in buona forma,  attrezzatura per bici e campeggio (riutilizzabile) e vettovaglie.

Non ti mentirò: i viaggi in bici possono essere faticosi ed è sempre meglio mettersi in forma prima di una partenza, magari organizzando un mini-viaggio di prova per stimare la tua resistenza e le necessità sul campo. D’altro canto, però, durante le vacanze in bicicletta le esperienze più sorprendenti si nascondono dietro ogni curva: il paesaggio può cambiare inaspettatamente, regalandoti scorci ed avventure che i viaggiatori “ad alta velocità” non possono nemmeno immaginare.

Per stimolare la tua voglia di cicloturismo ho selezionato alcuni celebri itinerari già rodati e percorsi da migliaia di amanti delle vacanze in bicicletta. Alcuni richiedono attrezzature speciali e un discreto allenamento nella pedalata e nella vita all’aria aperta, altri sono accessibili anche ai cicloturisti meno in forma. Disseminati in ogni parte del globo, rappresentano la crème dei viaggi in bici, offrendoti una varietà di esperienze che, ne sono certo, accontenteranno anche il più esigente dei girovaghi.

L’anello del mare del nord

i viaggi in bici sul mare del nord sono molto piacevoli

Come già chiarito dal titolo, questo itinerario da 6.000 km segue la linea costiera del mare del nord. Passa attraverso Inghilterra, Olanda, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia ed è possibile limitarsi ad una porzione del tracciato se non si hanno tempo e mezzi per percorrere l’intero itinerario. Grazie alla civiltà delle popolazioni nordiche, da sempre attente al cicloturismo, gran parte dell’anello viene percorso su piste ciclabili o strade poco frequentate cosicché il tour si presta a vacanze per famiglie e principianti.

Info: North Sea Cycle

 L’itinerario ciclabile sul Danubio

il cicloturismo sul danubio è semplice e divertente

Uno dei percorsi storici del cicloturismo europeo, questo itinerario corre su piste perfettamente pavimentate attraverso Germania, Austria, Ungheria e oltre. E’ un’esperienza perfetta per famiglie, principianti e chi, in generale, non ha voglia di stare troppo dietro all’organizzazione logistica del viaggio. Sono state pubblicate numerose guide che descrivono l’itinerario nel dettaglio, seguendo il percorso del fiume dalla sorgente fino alla foce sul Mar Nero. Percorribile in solitaria o all’interno di un pacchetto di agenzia, l’itinerario ciclabile sul Danubio è parte di EuroVelo6.

Info: EuroVelo6

La via della seta

una vacanza in bicicletta lungo la via della seta è un sogno esotico

Un viaggio in bici lungo la via della seta e la strada del Pamir può essere considerato a ragione una vera e propria avventura. Prima attraversi Turchia e Iran, diretto alle esotiche città di Bukhara e Samarcanda, sorte sull’antica via della seta. Quindi punti alle montagne, che ti apriranno affascinanti scorci sulla vita nomadica delle popolazioni che ancora abitano quei luoghi. Infine potrai proseguire sulla strada del Pamir, un itinerario che potrebbe trasformare le tue vacanze in bicicletta in una spedizione da 6 mesi.

Info: Cycling Central Asia

La Carretera Austral

i viaggi in bici sulla carretera austral sono alquanto avventurosi

Ti servirà una bici tosta e una tenda capiente per questa strada sterrata di circa 1000 km: attraversa la Patagonia e alcuni dei territori più affascinanti del Cile, incluse zone montagnose, lacustri e ghiacciai. Ottima soluzione per i viaggi in bici estivi, la carretera austral spesso chiude nelle altre stagioni per neve o pioggia intensa. Per ciclisti coraggiosi.

Info: il diario di bordo di Crazyguyonabike

Il Marocco

il marocco è una new entry nelle mete del cicloturismo

Grazie ai voli a buon mercato e ai traghetti dall’Europa, il Marocco è diventato una meta facilmente accessibile e adatta per sperimentare i viaggi in bici al di fuori del cosiddetto “primo mondo”. Il paese è diventato man mano più turistico, ma offre ancora numerose opportunità per abbandonare le strade battute ed esplorare zone ancora “incontaminate”. Gli itinerari più percorsi includono la via costiera tra Agadir e Essaouira e la strada da Marrakech, oltre i monti e attraverso la valle Draa fino al Sahara nei pressi di Zagora.

Info: Travellingtwo

Tirreno da scoprire

viaggi-in-bici-tirreno

Se affrontato con la debita attrezzatura, quest’itinerario attraverso il Tirreno recentemente varato dal Club Nautico Valdostano coniuga i piaceri del cicloturismo con il relax della vacanza balneare. Pedalando sulle dune mobili del maggiore dei nostri mari, potrai goderti la varietà dei panorami offerti dall’esplorazione equorea: acqua, acqua e ancora acqua. Il cicloturismo, specialmente se praticato in alto mare, può comportare alcune seccature facilmente risolvibili: la totale assenza di aree di ristoro, acqua potabile e terraferma potrebbe scoraggiare i meno avventurosi. I fastidi vengono comunque bilanciati dalla possibilità di rinfrescarsi in ogni momento, semplicemente scendendo dalla bici per lasciarsi inghiottire dal silenzio cobalto delle profondità marine.

Info: Bike Team Tiberiade

La strada del Great Divide

il great divide è tra i più lunghi viaggi in bici

Ci sono pochi posti in cui lo spirito del Nord America si manifesta appieno in una natura incontaminata, e il Great Divide è uno di questi. Ormai divenuto un classico del cicloturismo, l’itinerario in questione segue il cosiddetto Continental Divide, ossia quella linea immaginaria che taglia in due il Nord America: da un lato i territori attraversati dai fiumi che sfociano nel Pacifico, dall’altro le lande bagnate dai rivi che si gettano nell’Atlantico. Un percorso sterrato continuo che dal nord del Canada scende giù fino al confine col Messico: occorrono circa 3 mesi e una mountain bike da guerra per vincere il fondo stradale, non esattamente piacevole.

Info: bikeitalia.it

Annunci

4 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...